FilmmakingRisorse

How-To: Candidarsi ai Film Festival

Una guida dettagliata su come candidare il tuo lavoro ai Film Festival

This post is also available in: English

Siamo nel bel mezzo della stagione degli “Awards” del 2019, i maggiori riconoscimenti cinematografici vengono assegnati proprio in questo periodo e non vediamo l’ora di scoprire chi sarà premiato e cosa il resto dell’anno ha in serbo per noi.  

Adoriamo vedere i nostri Zoopper inviare i loro progetti a noi e ai Film Festival di tutto il mondo, ma sappiamo anche che riuscire ad far accettare la candidatura non è sempre facile e potrebbe, per certi versi, rivelarsi scoraggiante. 

Ecco perché abbiamo creato questa guida pratica per aiutarti a capire come presentare nel migliore dei modi il tuo film ai festival di tutto il mondo. Che si tratti del tuo primo cortometraggio o del capolavoro della tua carriera, siamo qui per sostenere te, i tuoi progetti e i tuoi sogni.
Ma andiamo al sodo.

Quindi, hai realizzato un capolavoro. Il film a cui tu e il tuo team avete dedicato tutti voi stessi è finalmente completo. La tua storia è finalmente finita… E adesso? È tempo di farlo arrivare alle luci della ribalta. 


Valuta e definisci il tuo film

Prima di iniziare a fare la lista di festival da sogno a cui partecipare, concentriamoci sulla vera star: il tuo film.

How-To: Preparing your work for film festivals

Valuta il tuo film da ogni angolazione e identifica le sue caratteristiche distintive. In quale genere rientra? Documentario o drammatico? È un cortometraggio o lungometraggio? Affronta problemi/temi di attualità? Dove viene girato e chi è stato coinvolto nella sua creazione?

Analizzare il tuo film nei minimi dettagli ti aiuterà ad identificare tutto il tuo pubblico potenziale e determinare chi è invece il tuo principale pubblico di riferimento. Sii preciso e specifico su questo.

Sappiamo che vuoi che tutti lo vedano, ma identificare chi costituirà il nucleo del pubblico del tuo film e come raggiungerlo è vitale per la longevità del film. Un seguito fedele farà crescere naturalmente la community che attorno al tuo lavoro.

Tutto questo lavoro “certosino” iniziale renderà la tua vita molto più semplice per la prossima fase..


Crea i materiali per marketing e comunicazione

Il tuo lavoro creativo non si interrompe dopo la post produzione. Dovrai sviluppare una diversi di materiali di marketing per il tuo film, in modo da poterlo promuovere correttamente.

Avere una buona conoscenza delle caratteristiche distintive del tuo film ti aiuterà a “venderlo”  ancora prima che lo spettatore lo veda. Uno dei maggiori ostacoli che dovrai affrontare è far sì che un membro dello staff del festival cinematografico guardi il tuo film. Quindi, inutile dirlo, pensaci bene e fai in modo che i tuoi materiali “spacchino”. 

I materiali di marketing da preparare includono:

  • Trailer 
    • Se stai candidando un film più lungo. Crea un trailer più breve e ingaggiante. Se è uno short film puoi comunque raccogliere i punti salienti in un teaser di pochi secondi.
  • Poster
    • Sarà la “copertina” del tuo film. E volenti o nolenti film, persone e libri vengono giudicati quasi sempre dalla loro copertina, almeno in un primo momento. Crea formati differenti, che si possano adattare a diversi tipi di promo (anche stampa) nel caso il contenuto fosse accettato ad un festival.
American Beauty Film Poster

Pulp Fiction Film Poster
  • Sinossi / Logline coinvolgente
    • Questa parte è importante tanto quanto il  trailer. Un giudice di un film festival probabilmente leggerà la sinossi prima di guardare il tuo trailer. La logline dovrà rappresentare e descrivere il film nel suo insieme. Cattura il tuo lettore nella prima frase e lascialo con la curiosità che vorrà togliersi proprio guardando il film.
  • Dichiarazione del regista
    • Usa questo spazio per raccontare qualcosa di te al tuo pubblico. Includi tutte le informazioni che potrebbero suscitare interesse. Sei un regista femminile? POC? Hai portato a termine il tuo sogno, contro tutte le aspettative, di realizzare un documentario su un artista del cartone? Esiste davvero, sì. (Dacci un’occhiata perchè è molto interessante)
  • Bonus: Locandina
    • Un documento o un volantino che includa tutte le informazioni di cui sopra, nonché i credits al il tuo fantastico team. Anche se viene utilizzata generalmente nella vendita e nella distribuzione del film, potrebbe essere utile inviarla insieme agli altri materiali, in visione al responsabile delle candidature del film festival scelto. Su un lato basterà inserire il poster precedentemente realizzato e sull’altro lato ci saranno la sinossi (con la logline), i credits (DP, produttori, studi, ecc.), le specifiche del tuo film, l’eventuale valutazione (PG-13, ecc.) e le info di contatto.
  • Key Visual del film
    • Testate giornalistiche e festival li useranno per completare editoriali e notizie che pubblicheranno sul tuo film. Assicurati di utilizzare immagini interessanti che catturino l’attenzione del pubblico. Sfruttale per mostrare qualche scena particolarmente emblematica, scenografica o che crei suspence e invogli vedere il contenuto.
  • Presenza Digital
    • Potresti assumere un freelance o una società di PR per promuovere il tuo film, ma se hai un budget limitato, saranno sufficienti la presenza di un sito Web e dei Social Media; creando una pagina potrai aggiornare i follower e creare un seguito. Ovviamente questa parte non è sempre indispensabile, dipende molto dal tipo di film, dalla sua durata e dall’investimento nella sua creazione; per piccoli lavori potrai usare semplicemente i tuoi canali personali o del tuo team creativo o il tuo sito. Certo, se hai lavorato a lungo e duramente sul tuo film e se vuoi che rimangano delle basi solide anche per un ipotetico successo futuro, più contenuti e media utilizzi più le probabilità aumentano.

Sappiamo che sono tante cose da fare e che richiedono un impegno non indifferente, ma sono tutte necessarie per il successo del tuo lavoro e per dargli la visibilità che merita. 


Fai un po’ di ricerca sui Film Festival esistenti e sviluppa la tua strategia

Fai i compiti a casa e falli bene.

Tieni presente le caratteristiche del tuo film che hai identificato prima per trovare festival in cerca di un lavoro come il tuo. Controlla i vincitori e le proiezioni precedenti per vedere se il tuo film potrebbe essere adatto e per conoscere i gusti di un’eventuale giuria. Crea un elenco di festival a cui i tuoi amici, conoscenti, membri del team e colleghi hanno fatto accettare i loro film.

Aggiungi i festival dei film dei tuoi sogni a quell’elenco, così come i festival locali più piccoli. Trova festival che attirino un pubblico interessato al tuo film. Dai un’occhiata a festival come Lagofilmfest, Outfest, Black Star o Film de Femmes.

How-To: Strategizing your film festivals plan

Dare la priorità ai festival in cui hai le migliori possibilità di essere accettato,ti farà risparmiare un sacco di tempo, denaro e fatica piuttosto che sparare alla cieca nella notte.

Considera anche il tipo di risonanza del tuo film. Farai delle premiere in tutto il mondo? A livello locale? Forse nessuno dei due?
Le premiere possono avere un impatto enorme sulla tua selezione per un festival. Utilizzare le anteprime è anche un ottimo modo per commercializzare il tuo film e ottenere pubblicità anche per il tuo lavoro.

Tieni anche presente che, se hai già presentato in anteprima un film in una città, un altro festival nella stessa area potrebbe essere meno propenso a scegliere il tuo perché il pubblico potenziale potrebbe risultare diminuito.
Mentre i festival vogliono selezionare il meglio del meglio, devono anche considerare la potenziale affluenza di pubblico.

Crea un budget di riferimento e dai la priorità ai festival giusti. Le presentazioni ai Festival del cinema sono il più delle volte, non gratuite. Le tasse di iscrizione generalmente arrivano a 50$ per i festival internazionali, ma possono facilmente salire.

I costi fanno presto ad aumentare, spesso prima che te ne accorga, quindi assicurati di candidarti prima i festival importanti o a quelli più in linea con il tuo lavoro.

Tieni presente la timeline dei festival e delle scadenze per presentare la submission.
Puoi anche risparmiare denaro in alcuni casi, inviando entro le scadenze “early entry”, senza dover pagare una fortuna, come invece può accadere inviando il tuo film all’ultimo minuto.

Bonus: chiedi se ci sono agevolazioni o sconti, ad esempio se sei uno studente. Alcuni festival danno accesso gratuito, come Lagofilmfest ad esempio, o inviano codici sconto ai registi per una serie di motivi. Tu chiedi, non si sa mai. Soprattutto se hai un budget limitato per tutta la tua strategia di comunicazione.


Manda la candidatura ai Festival!

Puoi inviare il tuo film tramite il sito web ufficiale del festival. Al giorno d’oggi, la maggior parte dei festival cinematografici accetta presentazioni anche tramite siti Web appositi come Film Freeway, che raccolgono in maniera ordinata in una bacheca i vari festival e ti permettono di creare un’unica candidatura che si può poi inviare a più festival direttamente dal sito.

È gratuito e semplifica davvero tanto la procedura di invio. Oppure puoi trovare varie liste di Film Festival su siti come Festhome.

How-To: Submitting to Film Festivals

Se c’è la possibilità di farlo, includi sempre una lettera di accompagnamento. Proprio come non presenteresti una domanda di lavoro senza una lettera di motivazione, anche per i film riuscire ad attirare l’attenzione di un giudice o dello staff non è secondario. Spiegargli un po ‘di più perché il tuo film si adatta bene al festival e farti conoscere come regista potrebbe essere decisivo quando si arriva al momento della scelta.

Detto questo… Lavora. Sul tuo. Network. Avere una connessione tramite amici, membri del cast e del team, vecchi colleghi o partner o anche conoscere qualcuno vicino al festival può influire sulla tua presentazione. Cerca connessioni online. Far parte di community di filmmaker, confrontarsi, darsi supporto, può avere un ottimo impatto sui tuoi risultati. 

Inutile dire che un pizzico di esibizionismo senza sfociare nell’arroganza, è molto efficace. Sebbene infatti non cambi la qualità del tuo film, può avere, come nel personal branding, un effetto positivo sull’attenzione che puoi ottenere, ovviamente se supportato dalla qualità del tuo lavoro.


Una volta che il tuo film viene selezionato…

Festeggia e vantati un po’(te lo meriti). Ma non sederti sugli allori perché il tuo lavoro non è ancora finito. Assicurati di inviare un messaggio di ringraziamento carino e mettiti al lavoro per promuovere il tuo progetto. È qui che i materiali di marketing che hai creato in precedenza saranno utili perché sono già a tua disposizione e non dovrai “affrettarti” a preparare altro. 

How-To: Screening your work at Film Festivals

Sicuramente il festival ti aiuterà a promuovere la tua proiezione ma tieni presente che lo sta facendo anche per  tutte le ALTRE proiezioni. Contattali e chiedi loro se e come puoi sostenere le loro attività promozionali. Cerca tutte le opportunità lato stampa e utilizza la tua rete per diffondere la notizia della tua proiezione.

Infine, prova a partecipare alla proiezione, se possibile! Cogli l’opportunità, sempre se è previsto, per un veloce Q&A con il pubblico presente, prima della tua proiezione. Farà miracoli per aumentare la partecipazione alla proiezione del film. E assicurati di andare a vedere anche altre proiezioni! Partecipa ai panel, fai rete e incontra altri registi e programmatori. Le relazioni che costruisci guideranno la tua carriera.

Ora, continua il duro lavoro e candidati ad altri festival! I film hanno generalmente una durata limitata nel circuito del festival, quindi dovresti approfittare di un film “fresco di produzione” finchè puoi. Quanto è soddisfacente mettere poi sulla copertina gli award ottenuti? Pensa a quanto saranno belli il tuo trailer e i materiali di comunicazione.


 Non lasciarti abbattere da eventuali rifiuti

Lo staff dei festival cinematografici vede innumerevoli contenuti, inclusi “masterpiece” e lavori d’autore e solo perché non ha selezionato il tuo lavoro, non significa che non sia  valido. Gli addetti alla selezione spesso sono costretti a rifiutare anche i film che amano. Noi dello staff di Zooppa lo sperimentiamo spesso, quando ci innamoriamo delle submission ai Progetti Open e poi non vengono selezionate dal cliente per essere premiate. Per questo spesso diamo anche delle menzioni sui nostri preferiti.

“L’etichetta” è della massima importanza quando il contenuto viene selezionato ma lo è ancora di più quando si affronta la “non-selezione”. Sì, potresti essere deluso o dubbioso sul motivo per cui il tuo film è stato respinto, soprattutto quando hai messo tutti i puntini sulle “i”, ma queste sono le regole del gioco quando invii una candidatura.

Invia un cortese ringraziamento. Le buone maniere hanno sempre un buon effetto.. Non vuoi essere ricordato come il regista che ha “ha sbroccato” o si è lamentato in giro, quando presenterai la tua prossima creazione allo stesso festival. Non auto-sabotarti.

Continua a provare e continua a credere nel tuo film. Perché anche noi ci crediamo, in te, nella creatività e nel dare visibilità a chi se lo merita, e non vediamo l’ora di scoprire i tuoi contenuti e quali premi vinceranno!

Hai un lavoro che vuoi condividere con noi? Vogliamo vederlo! Condividi i tuoi progetti indipendenti con il team di Zooppa via e-mail a roberta@zooppa.com per avere la possibilità di essere raccontati e promossi sui canali Zooppa!

Zooppa Community Team

Tags
Show More

Related Articles

Close
Close